moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

La lezione di Steve Jobs

La morte di Steve Jobs è servita ai giornali e alle riviste a vendere un’altra storia di un figlio di un emigrante che dal nulla, con la sua creatività, è riuscito a creare una grande azienda. Questo è infatti uno dei tanti esempi di quello che si può fare in America, dove il governo non controlla l’economia e non nomina i dirigenti delle grandi aziende. In Italia la libertà economica americana non c’è e probabilmente non c’è mai stata. Basti pensare a quello che capitò a Massimo Della Pergola, uno dei grandi geni italiani del marketing nel 1948. Dopo aver inventato il Totocalcio (la Sisal) e averlo lanciato nel 1946, nel 1948 la Sisal fu nazionalizzata dal governo De Gasperi. Fu una lezione indimenticabile: se inventi qualcosa di nuovo e hai molto successo, te lo portiamo via. Forse l’unica eccezione è stata quella di Berlusconi, che nel diventare un “tycoon” della tv privata ebbe la protezione di quel paragone di virtù che fu Bettino Craxi.

Donato Grosser, consulente economico, New York