moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Consiglio UCEI – Italia ebraica al voto

Appuntamento elettorale per l’Italia ebraica che domenica prossima sarà chiamata ad esprimersi per il rinnovo del Consiglio dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, il primo a vedere la luce dopo la storica riforma dello Statuto. Cinque le città in cui si farà ricorso all’urna: Roma, Milano, Trieste, Livorno e Firenze. A Milano e Livorno si vota anche per il rinnovo dei Consigli comunitari.
Gli elettori della Comunità di Roma sceglieranno i loro venti consiglieri a suffragio universale e con voto proporzionale. Due le liste in lizza: Uniti per l’Unione (capolista Renzo Gattegna) e Binah (prime candidate Eva Ruth Palmieri e Sabrina Coen). A Milano si eleggeranno invece dieci candidati con il tradizionale sistema del voto incrociato su nomi, che prevede la formazione di liste e la possibilità di indicare nomi da formazioni diverse. In competizione tre liste: Milano per l’Unione – l’Unione per Milano (capolista Roberto Jarach), Machàr-Domani per l’UCEI (capolista Raffaele Turiel) e UCEI per la scuola (candidato unico Cobi Benatoff). Per le 19 altre Comunità dell’ebraismo italiano l’opzione era tra votare a suffragio universale e ricorrere alla designazione del candidato da parte del Consiglio comunitario. A Trieste la scelta per il consigliere di spettanza è tra Davide Belleli e Mauro Tabor, a Firenze tra Dario Bedarida e Simcha Jelinek, a Livorno infine tra Daniele Bedarida e Gadi Polacco.
Forte dell’esperienza maturata sul fronte dei social network, la redazione ha scelto di usare lo strumento del tweet (al massimo 140 battute) per raccogliere posizioni e programmi dei vari candidati. Una sfida impegnativa accolta da tutti con grande coinvolgimento.

ROMA
Serena Tedeschi
(Binah)
17 donne per la Democrazia: vogliamo ascoltare le diverse voci delle nostre comunità e dare continuità e nuova forza all’ebraismo d’Italia
Renzo Gattegna (Uniti per l’Unione)
Raccogliamo le sfide, valorizziamo l’identità e le differenze. Essere uniti è libera scelta, grande valore, progresso che rende più forti

MILANO
Roberto Jarach
(Milano per l’Unione)
Un’unione vera e indiscussa rappresentante di tutto l’ebraismo italiano. Rabbini preparati e moderni. Milano laboratorio del rilancio
Raffaele Turiel (Machàr-Domani)
Oltre il decentramento: una rete di servizi, scuole e assistenza che coinvolga grandi e piccole Comunità, con Milano come snodo importante
Cobi Benatoff (UCEI per la scuola)
Visione e coraggio per la definizione di un’identità consapevole e condivisa

LIVORNO
Daniele Bedarida
In Consiglio per rappresentare le istanze e le esigenze delle piccole Comunità
Gadi Polacco
Fare rete per portare l’Unione nelle Comunità e la voce delle Comunità nell’Unione, per cercare ciascun ebreo invece di attenderlo!

FIRENZE
Simcha Jelinek

Per aggiungere un colore all’arcobaleno
Dario Bedarida
Più Comunità nell’Unione e più Unione per le Comunità

TRIESTE
Davide Belleli
Identità e cambiamento
Mauro Tabor
Identità, tradizione, memoria e sguardo aperto sul futuro. Possiamo essere il sale di una società moderna: contro razzismi e intolleranza

Clicca qui per leggere i tweet dei candidati direttamente su Pagine Ebraiche di giugno.