moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Una nuova stagione per lo studio

Come da tradizione, la prima domenica dopo Shabbat Bereshit è iniziato il nuovo anno accademico del Collegio rabbinico italiano. Il direttore rav Riccardo Di Segni ha tenuto la lezione inaugurale, in un’Aula magna stracolma di gente, su un passo del Talmud dal trattato Bava Metzi’à. È seguita poi una lezione tratta dal Talmud Berakhot sulla creazione dell’uomo e della donna. Dopo di ciò è stato illustrato il programma di studio per le diverse classi (corso di maskil, corso femminile di bagrut, corso superiore, corsi per adulti, corsi per i liceali che non frequentano la scuola ebraica e per quelli che la frequentano, corso preparatorio per le scuole medie). Se l’anno di studio è iniziato solo da una dozzina di giorni, gli allievi del Collegio sono stati attivi già durante i Mo’adim. Tre giovani maskilim romani di nascita o di adozione si sono recati in diverse comunità d’Italia per assistere nella chazanut, per tenere lezioni e derashot e per svolgere attività varie: Gabriele è stato a Parma per Rosh haShanah e aMilano per Sukkot; Jacov è stato a Torino per Rosh haShanah e a Milano per Kippur; Ariel si è recato a Siena per Kippur. Altri allievi del Collegio hanno collaborato in diversi battè keneset durante le tefillot dei Mo’adim. Le materie che sono oggetto di studio al Collegio rabbinico sono Torah con commenti, Tanakh, Mishnà, Talmud, Halakhà, Midrash, Lingua ebraica, Storia e pensiero. Quest’anno, fra l’altro, saranno studiati i trattati di Sotà e Ketubbot per il Talmud, Bava Metzi’à e Pesachim per la Mishnà, le regole della Kashrut e di Shabbat e Mo’ed per la Halakhà, il libro Mesilat Yesharim di Rabbi Moshè Chaim Luzzatto per il pensiero, i libri di Giosuè, Giobbe e Tehillim per il Tanakh, e molto altro ancora. Come dice l’Haggadà di Pesach, chi ha fame (di studiare) venga e mangi…
Come negli scorsi anni, l’UCEI bandisce quattro borse di studio per studenti che intendano frequentare il Collegio rabbinico, sia residenti a Roma che fuori (per accedere al bando, con scadenza 30 novembre, clicca qui).
Per ulteriori informazioni sul bando e sui programmi, rivolgersi a cri@ucei.it.

Gianfranco Di Segni, coordinatore del Collegio rabbinico italiano