moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

La Toscana ebraica alla Borsa del turismo

Itinerari ebraici: la loro capacità di combinare la visita di luoghi e monumenti con l’incontro con persone, storie, ma anche sapori, nella miglior versione del turismo esperienziale. L’idea di proporli come nuovo polo di attrazione turistica ha spinto la Regione Toscana a organizzarne una presentazione alla Borsa internazionale del turismo (Bit), che ha chiuso i battenti ieri a Milano. A prendere parte all’incontro (nella foto) è stata la presidente della Comunità ebraica di Firenze Sara Cividalli, che ha presentato le ricchezze che la regione ha da offrire, e non soltanto nel suo capoluogo. “Penso che portare i visitatori nella nostra sinagoga, e allo stesso tempo condividere con loro i ricordi, dai nostri giochi da bambini nel matroneo, alle mani piene di fango e catrame per salvare i libri durante l’alluvione, rappresenti un grande valore aggiunto, perché diventa un modo per entrare in contatto con un luogo vivo, fatto non solo di passato ma anche di presente, e di futuro”.
Cividalli ha illustrato i possibili itinerari, coadiuvata da Giuseppe Burschtein, che ha realizzato la presentazione multimediale: le possibili località da coinvolgere, gli spunti di riflessione da proporre, dall’incontro fra le culture alla memoria, l’offerta enogastronomica.
Tanti i progetti in cantiere già nel prossimo futuro, tra cui un incontro con gli operatori turistici in programma nel capoluogo toscano il 6 marzo e la partecipazione della Comunità all’iniziativa della “Notte blu di Firenze – 27 ore dedicate all’Europa” in programma il prossimo 11 e 12 maggio. “Il mio auspicio è arrivare a una rete di itinerari ebraici su tutta Italia, sotto l’egida dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane” il commento a margine dell’iniziativa del presidente Cividalli. Nel pomeriggio, nella Sala Jarach della sinagoga centrale di Milano, concerto “Tradizioni in cammino: musiche dalla Toscana ebraica” a cura di Enrico Fink, musicista e assessore alla Cultura della Comunità di Firenze, cui hanno preso parte anche Arlo Bigazzi, Marna Fumarola, Mino Cavallo e Giampiero Bigazzi. A portare il Saluto della Comunità milanese il vicepresidente Daniele Cohen.

(18 febbraio 2013)