moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Miss Israele e gli ebrei d’Etiopia conquistano Rai Uno

Una domenica all’insegna del matrimonio di Valeria Marini quella di Rai Uno: tra golden touch, disturbatori di professione e curiosi di ogni sorta. Da far impallidire William e Kate. Lorella Cuccarini si destreggia tra trini e merletti nel tentativo di far volare questo pomeriggio di pioggia domenicale. Arriva poi a rallegrare Così è la vita, l’inserto pailettato di Domenica In, Yityish Aynaw, la splendida Miss Israele sulla quale si sono spesi fiumi di inchiostro e migliaia di ticchettii di tastiere. Il servizio su di lei si apre ovviamente con One day di Asaf Avidan, oramai un manifesto cantato della Israele che cambia. Lorella come ogni presentatrice freme per dire le parole magiche: “Ora Yityish Aynaw, detta Titi, è quiiii”. Titi entra in scena ed è già cambiata: ha quel portamento regale di chi ha sempre in testa una corona anche senza indossarla. Una cosa però rimane la stessa: in inglese la nostra Miss Israele proprio non se la cava e questo ce la rende ancora più simpatica. Bello sentire su Rai Uno una voce giovane che rende vivo l’ebraico (traduzione a cura di Gisele Levy). “Sono orgogliosa di quella che sono” risuona e rispecchia perfettamente quella che è. Miss Israele poi si commuove, cinicamente si può dire sia stata colpita dal virus della tv italiana, ma a Titi lo perdoniamo anche perché dopo poco si intimidisce raccontando di come Obama, appena l’ha vista, le ha detto: “Sei veramente bella”. Della serie: Michelle, corri ai ripari. Iniziano poi quei chiacchiericci televisivi che ci piacciono tanto: “Che vi siete detti te e Obama? Che significa il tuo nome? Obama è davvero così carino dal vivo?” e tutti vanno in brodo di giuggiole. Poi, con l’ausilio del professor Sergio Della Pergola, demografo dell’Università ebraica di Gerusalemme, il discorso subisce una impennata: ci si ritrova infatti a ricostruire l’esperienza dei falascià in Israele, dall’Operazione Mosè ad oggi. Dall’amore nato tra re Salomone e la regina di Saba all’integrazione della comunità etiope. I tempi televisivi stringono, Emma Marrone attende il suo turno. Però, grazie a Titi, il pomeriggio piovoso si è tinto un po’ di azzurro.

Rachel Silvera twitter @RachelSilvera2