moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

tradizioni…

In questa Parashà leggiamo l’elenco dei successivi spostamenti del popolo ebraico dall’uscita dall’Egitto fino alla vigilia dell’ingresso in terra d’Israele. I nostri Maestri si sono domandati quale scopo abbia, nella logica della Torà, una così minuziosa elencazione. Ma un’altra minuziosa descrizione viene qui riportata: quella dei confini della terra d’Israele. Anche qui i Chakhamìm si pongono la stessa domanda: che scopo ha questa elencazione? Il Midràsh dà questa risposta: “A che cosa assomiglia? Ad un re che aveva una splendida proprietà con un magnifico palazzo aperto ai quattro punti cardinali, con centinaia di stanze lastricate con pietre preziose dal pavimento al soffitto, e grandissimi giardini con fontane e alberi da frutta profumatissimi, uccelli ed api e pavoni e scimmie, e magnifici campi coltivati che producono tutto l’anno e tutti i prodotti. Quando questo re ha detto a suo figlio che cosa gli avrebbe lasciato in eredità, si è dilungato a raccontargli le qualità di questa proprietà e quale vista si gode da ognuno dei punti di confine di essa”. Ha-Qadòsh Barùkh Hu’ ci ha dato uno splendido possedimento, un edificio prezioso e spazioso, ricco di tutte le delizie e meraviglie possibili ed immaginabili: le nostre tradizioni, ossia la Torà scritta e la Torà orale. Con estrema minuzia i Rabbini ne illustrano ogni singolo particolare, perché lo si ami e se ne riconosca la preziosità attraverso lo splendore di ogni particolare. Siamo purtroppo ben lontani dal raggiungere questo meraviglioso palazzo; elencare le tappe che ci mancano sarebbe forse più lungo dei quarant’anni del deserto, se è così difficile trovare chi voglia sperimentarne le bellezze, entrare a conoscere questo tesoro eccezionale. Per evitare lo sbandamento e lo smarrimento nel deserto della conoscenza ebraica è necessario che ogni Ebreo impari ad amare la Torà e le nostre tradizioni, mantenendole gioiosamente nella loro preziosità, intatte ed inalterate.

Elia Richetti, presidente dell’Assemblea rabbinica italiana

(4 luglio 2013)