moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Setirot – Quando non ci sono più parole

jesurumQuando non ci sono più parole per la speranza, restano i gesti umani, che nulla può cancellare. Il problema della bontà, della purezza, della leggerezza non è risolto, ma ha dovuto almeno trovare una sua giusta formulazione. Trattenere la speranza, il sogno; dirsi che il domani sarà sempre possibile, anche se non vedrà la luce… (Marc-Alain Ouaknin, “Le Dieci Parole”, Edizioni Paoline). Grazie lampedusani.

Stefano Jesurum, giornalista
(17 ottobre 2013)