moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Qui Bergamo – Un progetto per riscoprire Sciesopoli

sciesopoliUna pagina di storia da riscoprire. Quella di un luogo in cui centinaia e centinaia di bambini sopravvissuti ai campi di sterminio ritrovarono il sorriso e la forza per ricominciare una nuova vita nella futura Israele. Si terrà oggi a partire dalle 17.30 nella sala capitolare del Convento di San Francesco a Bergamo l’incontro “I bambini di Selvino – Sciesopoli 1945-1948” per ricordare la colonia montana costruita negli anni Trenta nel paesino della provincia bergamasca che rischia di essere distrutta. Organizzata dalla Petizione per il Memoriale lanciata dallo studioso Marco Cavallarin e dalla Fondazione Bergamo nella Storia (con, tra gli altri, la Fondazione Centro di documentazione ebraica contemporanea), la conferenza vedrà l’intervento di Claudio Visentin del Museo storico di Bergamo, dello storico Sergio Luzzatto, di Spartaco Capogreco (Università della Calabria), Carmelo Ghilardi, sindaco di Selvino, Giovanni Milesi, assessore alla Cultura della Provincia di Bergamo, con una testimonianza di Walter Mazzoleni e la relazione dello stesso Cavallarin. Di seguito l’intervento di Cavallarin sul numero di Italia Ebraica di febbraio.

Tra i molti luoghi trascurati dalla storia e dalla memoria è la “Sciesopoli” di Selvino, colonia montana voluta dal fascismo negli anni Trenta del secolo scorso, sulle Prealpi prossime a Bergamo, in Lombardia, a meno di 100 chilometri da Milano. Lì, dal 1928, i giovanissimi “Figli della Lupa”, come si chiamavano allora i bambini fascisti, e gli appena più adulti Balilla venivano ospitati per le vacanze e addestrati al culto del Duce. In quella colonia, che prendeva il nome dall’eroe del Risorgimento italiano Amatore Sciesa, essi venivano addestrati all’educazione marziale. Sciesopoli era una vera propria caserma per i soldati del domani. Fu progettata dall’architetto Vieti‐Volli di Milano e realizzata con le più avanzate tecnologie del tempo. Risultò un complesso di edifici d’avanguardia, completato in tempi brevissimi e inaugurato nel giugno del 1933. La colonia possedeva dormitori, refettori, piscina, cinema, infermeria, un parco vastissimo di 17mila metri quadrati e cortili per le adunate. Tra i finanziatori dell’opera, come testimonia la lapide marmorea del salone d’ingresso, fu il Duce che donò 5mila lire per la sua realizzazione. La colonia funzionava per tutto l’anno, anche durante la guerra, grazie all’opera di assistenza che vi prestavano delle suore cattoliche. Ma non è la storia fascista di Sciesopoli che richiama adesso la nostra attenzione. Caduto il fascismo e finita la guerra, nel settembre del 1945 una delegazione composta da Raffaele Cantoni (Presidente della Comunità Ebraica di Milano), Moshe Ze’iri (membro della Kvutzat Schiller e della Compagnia Ingegneri dell’Esercito Britannico Solel Boneh) e Teddy Beeri (membro anch’egli della Solel Boneh) ottenne dal Comitato di Liberazione di Milano la colonia Sciesopoli per i bambini ebrei rimasti orfani e sopravvissuti alla Shoah. Centinaia di giovani profughi ebrei vi giunsero da ogni parte d’Europa. A Selvino essi trovarono “un paradiso a lungo sognato, un castello da fiaba e a fatica si rendono conto di essere liberi, rinati a nuova vita”, scrive Aharon Megged nel 1997 nel suo “Il Viaggio verso la Terra Promessa”. La popolazione di Selvino, guidata dal Sindaco Emilio Grigis, l’ex partigiano Moca, li accolse con generosità e ridonò loro il sorriso. Tra quanti a Sciesopoli contribuirono alla ricostruzione di quelle vite fu Luigi Gorini (Milano 1903 ‐ Boston 1976), docente universitario di chimica pura a Pavia, che, avendo rifiutato di prestare il giuramento di fedeltà al fascismo, si trasferì allora a Torino, ove gli era stata offerta una collaborazione a ricerche nel settore farmacologico presso una ditta farmaceutica; nel 1942 le minacce ricevute da elementi fascisti all’interno dell’azienda lo costrinsero a lasciare il capoluogo piemontese. L’anno successivo accettò l’incarico di ricercatore presso l’Istituto Giuliana Ronzoni di Milano, i cui laboratori, a causa della guerra, erano stati temporaneamente trasferiti a Seregno. Alla fine del conflitto Gorini ebbe modo di dedicarsi a opere umanitarie: a Sciesopoli di Selvino collaborò all’istituzione di un centro di prima accoglienza per bambini ebrei liberati dai campi di concentramento, che si trasformò poi in un vero e proprio istituto di reinserimento sociale. Quei bambini furono tra gli oltre 25mila ebrei sopravvissuti alle persecuzioni naziste e fasciste che, tra il 1945 e il 1948, partirono dalle coste italiane in direzione della Palestina mandataria dove si stava costruendo il “focolare nazionale”, futuro Stato di Israele. Le loro partenze clandestine – organizzate dal Mossad, le Alyah Beth ‐ avvennero per la disponibilità delle autorità italiane, spesso animate anche da sentimenti di solidarietà nei confronti dei superstiti dell’immane sterminio, a favorire lo sfollamento dei profughi dalla penisola. Il convegno di HeChaluz che si svolse a Selvino nel novembre del 1947 nel trentesimo anniversario della dichiarazione Balfour, asserì la “necessità della fine del Mandato britannico sulla Palestina” e auspicò che l’ONU si adoperasse alacremente per la creazione dello Stato ebraico. Fino al novembre del 1948 Sciesopoli, come in un contrappasso dantesco, continuò a ospitare quei bambini ebrei che in gran parte avrebbero trovato la strada verso la Palestina con l’aiuto della Comunità ebraica della vicina Milano, del Comune di Milano (che era proprietario della colonia), dei militari della Jewish Brigade, della Solel Boneh, dell’Agenzia ebraica, del Joint, della Alyath Ha Noar e degli ex partigiani che avevano combattuto contro i nazisti e i fascisti. Furono circa 800 i “bambini di Selvino” che a Sciesopoli trovarono nuovo senso alle loro vite. E molte famiglie di ebrei erano state anche accolte nelle case dei selvinesi. Il Consiglio comunale di Selvino ha ricevuto riconoscimenti ufficiali per l’ospitalità offerta dalla piccola città, primo fra tutti quello della associazione Gordonia. Sciesopoli dopo il 1948 divenne un centro di accoglienza per bambini disagiati, vi si istituì una scuola pubblica, vi si curarono quelli ammalati. Così continuò la sua esistenza fino al 1984. Nel 1983 un gruppo di sessantasei ebrei che erano stati profughi nella Sciesopoli ha fatto ritorno a Selvino. Vi furono accolti dal Sindaco Vinicio Grigis, e caldi furono gli abbracci con la popolazione. A seguito di quel viaggio si stabilì il gemellaggio tra il Comune di Selvino e il kibbutz Tze’elim, nel Neghev, dove molti dei bambini di Selvino si sono man mano stabiliti dal 1946. Da allora sono frequenti le visite alla Sciesopoli degli ebrei che vogliono ripercorrere le loro tracce, o quelle dei loro genitori nella Bricha dell’Alyah Beth attraverso l’Italia. Nel 2010 avvenne la visita di Naftali Burstein, bambino di Sciesopoli, nel 2011 quello di Nitza Sarner, figlia di Moshe Ze’iri che di Sciesopoli era stato direttore. Il più recente di cui io abbia conoscenza è il viaggio del 2012 di Miriam Bisk. I suoi genitori Lola e Salek Najman, polacchi, si erano incontrati nel campo profughi di Grugliasco, in Piemonte, poco distante da Torino. Erano poi stati inviati a Selvino perché lì si prendessero cura dei bambini. Era il 1947. Miriam nacque nove mesi più tardi. I due giovani trovarono imbarco illegale verso la Palestina sull’HaTikva partita dal porto di Bogliasco, vicino a Genova e non distante da La Spezia, l’8 maggio del 1947. Ma quella nave fu intercettata dagli inglesi il 17 maggio, e così Miriam nacque a Cipro, al Famagusta British Military Hospital, deportata ancora prima di nascere. Miriam, che vive oggi a Ithaca, nello Stato di New York, ha voluto ripercorrere i luoghi dei suoi genitori seguendo le tracce del diario accuratamente redatto da sua madre. Dopo avere peregrinato per Polonia e Austria, in Italia l’ho accompagnata a Grugliasco, a Selvino, in via Unione a Milano (allora sede del coordinamento delle operazioni dell’Alyah Beth e rifugio di moltissimi profughi), a Genova, a Bogliasco, a Bocca di Magra dove l’HaTikva fece un secondo scalo prima di addentrarsi nelle acque del Mediterraneo con il carico dei suoi 1414 profughi. A Selvino, insieme all’ex Sindaco Vinicio Grigis, a Walter Mazzoleni, figlio di Angelo, custode di allora di Sciesopoli, che di quel tempo conserva una memoria sempre commossa e molte fotografie, Miriam ha visitato la vecchia colonia, ormai in stato di completo abbandono. Depredati i caloriferi e i lampadari, arredi d’epoca sono stati devoluti anni fa a una comunità assistenziale. Nelle scuole di Selvino non si fa cenno a quei fatti. Nemmeno una lapide ‐ di una che vi era stata posta nel 1983 non esiste più traccia ‐ ricorda il passato e l’epopea dei giovani ebrei che di quel luogo furono ospiti tra il 1945 e il 1948, che renda il luogo riconducibile alla storia della rinascita del popolo ebraico. Un dolore profondo ci ha colto: quello della perdita della memoria, dell’abbandono della storia, della cancellazione del passato. Poi Miriam ha proseguito il suo viaggio fino a Cipro e, finalmente, in Israele. Selvino fu uno dei luoghi fondamentali della vicenda dell’HaBricha e dell’Alyah Beth, probabilmente uno dei campi più significativi allestiti in Italia per Jewish Displaced Persons: per la colonia Sciesopoli di Selvino passò molta parte dei profughi bambini ebrei. Gli stupendi edifici razionalisti vivono un stato di incredibile completo abbandono nonostante l’impegno dell’ex Sindaco che ha anche finanziato la traduzione in italiano del libro di Megged e realizzato il gemellaggio con il kibbutz Tze’elim. I cittadini più anziani e le istituzioni locali non ignorano però cosa quel luogo rappresenti. Sono ancora in vita alcuni testimoni, tra i quali Walter Mazzoleni, figlio del custode di allora, che volentieri ricorda e racconta. Negli ultimi anni il tema dell’immigrazione clandestina dall’Italia negli anni 1945‐1948 è tornato all’attenzione di storici e di privati cittadini alla ricerca delle proprie radici e delle storie vissute dai propri familiari durante e dopo la guerra, e continue sono le espressioni di gratitudine per l’aiuto offerto da tanti italiani. “Sciesopoli” è oggi proprietà di una grossa società immobiliare (http://www.schiavospa.com/index.asp) che ne sta tentando la vendita. Sono già attive, a quanto risulta da fonti affidabili, trattative con società russe e arabe. Il suo costo viene definito “irrisorio” rispetto al valore reale dell’immobile. Un vincolo ambientale, voluto dall’Amministrazione Comunale e dalla popolazione consapevole, vi impedisce qualsiasi intervento speculativo e impone che la ex colonia abbia finalità pubbliche (casa di riposo, struttura fitness o alberghiera…). Selvino è una località turistica estiva e invernale di primario interesse e in fase di ulteriore sviluppo. A Selvino occorre promuovere un lavoro di ricerca storica nelle scuole, l’apposizione di una lapide alla ex colonia, segnaletica stradale adeguata, e realizzare il gemellaggio con la città di Magenta, sede dell’haksharah di Villa La Fagiana, uno dei più importanti campi per profughi ebrei dell’Italia settentrionale. Si tratta di cose che potrebbero essere realizzate in tempi brevi e con poco impegno economico e burocratico. Ma soprattutto, Sciesopoli deve essere salvata! L’acquisto della ex colonia è il progetto che con Miriam abbiamo iniziato a coltivare. Lì si potrebbe realizzare un Museo Europeo dell’Alyah Beth, e una foresteria per i suoi visitatori, o altro di significativo che conservi la memoria dell’Alyah Beth. Abbiamo fino a ora cercato sostegni, ma abbiamo ricevuto soltanto qualche segno di incoraggiamento. Probabilmente l’impresa appare troppo impegnativa. Anche il Sindaco di Selvino, che ha molto a cuore le sorti di Sciesopoli e la conservazione della sua memoria, è impotente davanti al da farsi. Basterebbe però costituire un organismo che progettasse la nuova struttura e promuovesse una sottoscrizione internazionale per l’acquisto e il mantenimento delle attività museali. Selvino possiede tutte le carte in regola per la realizzazione di un’opera di fondamentale importanza storica e di memoria, anche nella prospettiva della valorizzazione delle valli e della memoria, che è tra gli obiettivi della Regione Lombardia e dell’Expo 2015. Sarà presto pronto un documentario su Sciesopoli ebraica. Sono naturalmente disponibili foto d’epoca e contemporanee della colonia.

Marco Cavallarin, Italia Ebraica, febbraio 2014

(30 gennaio 2014)