moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

‎Setirot – Liberi

jesurumAgghiacciante, vergognosa vignetta postata da Magdi Cristiano Allam per la propria campagna elettorale. Si vede un volontario avvolto in una bandiera della Pace, vicino a diversi individui di varie nazionalità, tra questi anche una bimba. La scritta in alto recita: “Benvenuti in Italia”. Poi il dialogo in cui il volontario chiede alla piccola che si appresta a entrare nel nostro paese come si chiami. La risposta: “Ebola”. È di pochi giorni fa l’orrore della manovra 5Stelle su Auschwitz e Primo Levi. Intanto continuano le “bravate” leghiste anti rom e sinti. Bene, domani, 25 aprile, si ricorda la Liberazione. Fino a ieri abbiamo rivissuto l’uscita dall’Egitto geografico/materiale e dall’Egitto interiore/spirituale; abbiamo ricordato ai nostri figli e ai nostri nipoti che quella liberazione non è una volta per tutte ma va riconquistata e rivissuta ogni anno, ogni giorno. Venerdì, prima di Shabbat, ricordiamo a noi stessi, ai nostri figli e ai nostri nipoti quei giovani, donne e uomini, che sacrificarono i propri vent’anni perché noi oggi potessimo indignarci ed essere liberi. Liberi anche di celebrare il nostro Seder. Liberi di dire che non abbasseremo mai la testa, come ebrei e come italiani. 

Stefano Jesurum, giornalista

(24 aprile 2014)