moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Immagini e parole

ilanaOggi le parole, più che le immagini, sembrano a rischio di idolatria. L’arte contemporanea critica, ribalta, destruttura la normale visione delle cose cercando di proporre schemi innovativi e provvisori, domande e interazioni con lo spettatore. Le parole, invece – nel mondo dei mass media ma non solo – cadono a volte come macigni e diventano slogan in bocca di tutti sotto forma di certezze senza interrogativi. Credo che queste siano le “immagini” di cui avere più paura.

Ilana Bahbout

(13 giugno 2014)