moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Qui Lubiana – Tre volte senza patria

Schermata 2014-06-19 alle 14.31.54All’ombra del castello, in una Ljubljana calda e assolata, si è svolto negli scorsi giorni il settimo Convegno della International Conference on Jewish Italian Literature (ICOJIL) sul tema Letteratura italo–ebraica e cultura mitteleuropea al quale hanno partecipato numerosi studiosi provenienti da varie parti del mondo.
L’articolato programma, coordinato da Raniero Speelman dell’Università di Utrecht e da Irena Prosenc dell’Università di Ljubljana, ha visto svilupparsi la riflessione a partire dalla celebre frase di Gustav Mahler “Ich bin Dreifach Heimatlos… (Sono tre volte senza patria…)”. Di grande interesse sono state le due lezioni magistrali rispettivamente di Giuseppe Antonio Camerino (Università del Salento) su Letteratura e radici ebraiche. Con richiami a Svevo e di Elvio Guagnini (Università di Trieste) su Notizie sulle “poesie del giudeo” di Ferruccio (Fery) Fölkel. Negli oltre trenta interventi, suddivisi in undici sessioni, che si sono susseguiti nelle due giornate del convegno, ospitato dall’ Istituto Italiano di Cultura e dalla Facoltà di Lettere dell’ Università di Ljubljana, i relatori hanno spaziato da Saba a Stuparich, da Michelstaedter a Svevo, da Voghera a Bazlen, da Vito Morpurgo a Carolus Cergoly e ad altri ancora. Non sono mancate le incursioni sugli scrittori contemporanei come Giorgio Pressburger, Erri De Luca e Alessandro Piperno, così come sulla poesia. A completare il mosaico le sessioni di Letteratura e memorialistica, Storia e archivi e Psichiatria e arti. Coinvolgente, e anche di alto livello artistico, è stata la performance di Paolo Puppa (Università di Venezia) dal titolo Svevo, Lettera a Pirandello con cui è terminata la prima giornata, così come l’intenso monologo-recita di Elsa Fonda VORREI INCATENARE LA MIA ANIMA PER NON VEDERLA PIU’ VAGABONDARE. Dalle lettere (1909 -1914) di Elody Oblath Stuparich a Scipio Slataper con il quale, tra gli applausi di tutti, è finito il convegno.

Helen Brunner

(19 giugno 2014)