moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

“Scudi umani, le Nazioni Unite intervengano contro Hamas”

ron prosorL’ambasciatore israeliano Ron Prosor ha ufficialmente chiesto alle Nazioni Unite di prendere posizione contro i crimini di guerra commessi da Hamas. “L’ONU non deve solo riconoscere il dato di fatto ma anche prendere provvedimenti. I civili sono stati usati come scudi umani”. E proprio su questo punto arriva dall’IDF una importante novità: alcuni membri di Hamas, interrogati dallo Shin Bet, hanno ammesso di aver usato la popolazione come scudo. Dramma che ha coinvolto anche l’ospedale Rafah’s Al-Hajar, spesso usato come nascondiglio dei terroristi. E mentre dal Sud-Africa arriva la dichiarazione della prosecuzione del dialogo con Israele nonostante la ferma condanna dell’operazione Protective Edge, un sondaggio del quotidiano Haaretz riporta come il 54% della popolazione israeliana ha dichiarato che la guerra contro Hamas non è stata vinta da nessuno. Il 50% degli intervistati continua comunque a sostenere l’azione di Benjamin Netanyahu. Trapelata inoltre la notizia che il premier israeliano si sarebbe incontrato segretamente qualche giorno fa con il presidente dell’Autorità Palestinese Abu Mazen ad Amman. La giornata di oggi è inoltre segnata da alcuni scontri: l’IDF ha sparato alcuni colpi in aria per frenare dei lanci di sassi vicino a Gaza ed è stato fermato un cittadino di Gaza che tentava di attraversare il confine. Nella West Bank continuano inoltre le proteste palestinesi. Prosegue l’arrivo a Gaza di camion carichi di aiuti umanitari e beni primari passando per Kerem Shalom. Dall’Egitto, infine, un gruppo di jihadisti ha comunicato di aver decapitato quattro uomini sospettati di essere spie israeliane. Le immagini del crimine hanno iniziato a circolare nelle prime ore del pomeriggio.

(28 agosto 2014)