moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Qui Roma – Finanziare il Progetto Dreyfus, al via la raccolta fondi

Roma-20141127-00767Presentata a Roma la campagna di raccolta di fondi dell’associazione Progetto Dreyfus, impegnata sul web e nel mondo dei social network sui temi del Medio Oriente, la conoscenza di Israele, l’antisemitismo, il pregiudizio antiebraico. Nel corso della serata, che ha visto sul palco gli ideatori e gli animatori del progetto, un forte impegno a sostegno dell’iniziativa è arrivato dal presidente della Comunità ebraica di Roma Riccardo Pacifici, che ha dichiarato: “Abbiamo bisogno di tante persone che si prendano la responsabilità di darci una mano. Non possiamo finanziare direttamente Progetto Dreyfus come Comunità perché diventerebbe un’iniziativa istituzionale ma quello che senz’altro possiamo fare è attivarci per reperire nuovi fondi”.

In un messaggio di invito alla serata lo stesso presidente della Comunità romana sottolineava: “In tanti avete chiesto alla Comunità cosa potesse fare per difendere Israele sui media, contro il boicottaggio, contro gli spacciatori dell’odio nella rete e sui social network. In tanti avete chiesto alla Comunità come difendersi dai gruppo xenofobi, razzisti e antisemiti. Contro i gruppi neofascisti e neonazisti. Contro i fondamentalisti islamici e contro chi, ancora nel mondo della Chiesa, perpetua l’odio anti giudaico dannandoci ancora con l’accusa falsa dell’uccisione di Gesù. In parte ci siamo mossi, almeno da Roma, mettendoci la faccia e denunciando nei tribunali questi gruppi o singoli”.
“Oggi – proseguiva – abbiamo una grande opportunità. Grazie al lavoro di tanti volontari, non solo animati dall’amore per Israele e la rabbia contro i nostri nemici, ma grazie alla loro professionalità e capacità hanno messo in piedi Progetto Dreyfus. Uno strumento formidabile per dare voce, in particolare modo sulla rete e social network a noi tutti. Un prodotto ‘figlio’ della nostra comunità che per fare il salto di qualità ha bisogno di tanti altri volontari che si coordinino fra loro e ha bisogno di raccogliere fondi”.

a.s twitter @asmulevichmoked

(28 novembre 2014)