moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Israele, la ricerca non si ferma

L’escalation della tensione in Israele è il tema di apertura della puntata di Sorgente di vita di domenica 18 ottobre: dai disordini sulla Spianata delle moschee a Gerusalemme agli attacchi ai civili nella capitale, in Cisgiordania e a Tel Aviv. È l’inizio di una nuova Intifada? Abbiamo sentito le opinioni di Giampiero Gramaglia dell’Istituto Affari Internazionali e di Antonio Polito, vice direttore del Corriere della Sera. Segue la storia di Carmine, paralizzato dopo un incidente di moto e del suo “compagno” di strada, l’esoscheletro, un apparecchio robotizzato che permette di abbandonare, almeno per un po’, la sedia a rotelle, di tornare a camminare, e di fare addirittura anche un pezzetto di maratona. È un brevetto nato in Israele, frutto della più avanzata tecnologia e della vicenda personale del suo inventore. Infine il ritorno a Selvino, sulle Alpi bergamasche, dopo 70 anni, dei bambini di Sciesopoli: sopravvissuti ai ghetti e alle deportazioni, soli, senza famiglia, senza casa, dopo la guerra vennero accolti in una ex colonia fascista dove iniziò per loro una nuova vita. Le emozioni e i ricordi di alcuni protagonisti di allora.

Sorgente di vita va in onda domenica 18 ottobre alle ore 1.20 circa su Raidue. La puntata verrà replicata lunedì 19 ottobre alla stessa ora circa e lunedì 26 ottobre alle ore 8 del mattino.

I servizi di Sorgente di vita sono anche on line.

p.d.s.

(18 ottobre 2015)