moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Shir Shishì – Il canto delle Piante

kaminskiLa festa degli Alberi del 15 di Shevat è appena passata ma l’antica recitazione hassidica, diventata un canto popolare grazie alla chansonnière israeliana Naomi Shemer (nata nel kibbutz Degania nel 1930) è sempre presente ed emozionante. Il riferimento letterario è antico e misterioso, il trattato Perek Shira, “Capitolo del canto”, considerato risalente al III secolo. Questo elogio alla natura viene ripreso dal grande maestro hassidico Nachman da Bratislava, vissuto alla fine dell’Ottocento. Nel 1976, Shemer lo compose per uno spettacolo oramai dimenticato da tutti mentre il Nigun delle Piante è diventato un successo ever green.

Sappi che/ ogni pastore / ha una sua melodia speciale /Sappi che ogni pianta e pianta/ ha un suo canto speciale/ E dal canto delle piante si crea la melodia del pastore.

Quanto è bello/ quanto è bello e gradevole/ quando si ascolta il loro canto/ è giusto stare tra loro in preghiera/ e con gioia servire il Signore.

E dal canto delle piante/ il cuore si riempie e anela.

E quando il cuore/ di canto si riempie/ e desidera/ la Terra di Israele/ una grande luce/ allora si protrae e si dilaga/ dalla sacralità della terra/ su di lui.

E dal canto delle piante/ si crea la melodia/ del cuore.

(Per ascoltare la voce di Naomi Shemer: https://www.youtube.com/watchv=Xe4H1sCCAJo)

Sarah Kaminski, Università di Torino

(4 febbraio 2016)