moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Il ghetto, il mondo

bassano“Il ghetto rappresentava l’intero mondo per lui ed era abbastanza grande per contenere tutto ciò che il cuore di un fanciullo può desiderare . […] Fu la donna che veniva ad accendere il fuoco di sabato a rivelare al ragazzo ciò che per tanto tempo non era stata un’idea molto vaga, e cioè che il mondo non era abitato da ebrei”. Difficile immaginare come fosse effettivamente la vita nel ghetto di Venezia, alcune cronache o racconti ne offrono un’idea, come queste parti estrapolate dal memorabile “il Fanciullo del Ghetto” di Israel Zangwill. Le uscite erano sbarrate da cancelli di ferro sorvegliate da guardie giorno e notte, le case erano costruite in altezza per mancanza di spazio, gli uomini e le donne indossavano un berretto giallo o un cerchio di stoffa sul petto come simboli distintivi… Il ghetto era anche paradossalmente sinonimo di protezione, in Marocco l’analogo Mellah o la tunisina Hara, onnipresente e recintata da alte mura, fu inizialmente costituito per proteggere gli ebrei da eventuali rivolte e violenze anti-ebraiche. Separazione e protezione, sono del resto due parole dai significati in questo caso approssimativi ed interscambiabili, e soprattutto, come ha scritto in maniera illuminante Stefano Jesurum, “la storia ci ha insegnato che non bastano le ruspe a rimuovere i muri così come non è necessaria la fisicità di un recinto per creare un ghetto.” Il ghetto, oltre ad essersi ripresentato nuovamente dopo il 1797 sotto forme talora più drammatiche, è rimasto un’istituzione mentale impressa non solo nella storia ebraica ma in quella di qualunque minoranza nazionale. Se le culture debbano fondersi e scomparire per costruire una comune umanità o debbano invece mantenere un certo grado di sordità e chiusura per sfuggire ad una sorta di “contaminazione” ed omologazione culturale, è un enigma che disgregò anche il pensiero del grande antropologo Claude Lévi-Strauss. L’ebraismo contemporaneo, quello italiano in modo peculiare ed ante litteram, ha dimostrato che una via media può essere possibile.

Francesco Moises Bassano

(18 marzo 2016)