moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

nemici…

“Chi è santo? Chi cambia il nemico in amico” (Avot Nathan 23); “Ama a tal punto il tuo nemico così che anche lui sarà costretto ad amarti” (Rabbi Israel miWiznitz); “Chi fa la pace è un figlio di D-o e del mondo a venire” (Sifrà Bemidbar 6, 26); “Gli Zeloti che abitavano vicino a Rabbi Meir lo opprimevano molto. Rabbi Meir pregò che morissero; ma gli disse sua moglie Bruria: su quale verso ti appoggi? Forse sta scritto ‘periscano i peccatori’? Forse sta scritto ‘Peccatori’? No! ‘Peccati’ è scritto! Inoltre prosegui a leggere bene il verso: “gli empi non ci saranno più” (Salmi 104, 35), implora quindi la misericordia di D-o perché si pentano!” (Berachot 10a); “Pregate per il bene dei vostri nemici. E se doveste credere che questo non sia servire D-o, sappiate: più di ogni altra preghiera questo è servire D-o” (Rabbi Michael miZlotzov). Barzilai HaGhiladi diceva “che io muoia nella mia comunità” perché ecco che i morti hanno chi li ama e vanno sulle loro tombe e pregano per il bene delle loro anime, e portano loro del bene nel mondo di là. (Chassidim)

Paolo Sciunnach, rabbino

(5 giugno 2017)