moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

…ebraismo

Stretti come spesso siamo fra aperture assimilazioniste e ortodossie religiose, vale la pena di leggere Non nel nome di Dio (Giuntina 2017) di Jonathan Sacks, già rabbino capo delle United Hebrew Congregations of the Commonwealth. Non nel nome di Dio non è solo un libro contro la violenza perpetrata in nome della religione, è uno scritto che getta uno sguardo illuminato sul rapporto fra universalismo e particolarismo nella cultura ebraica. Un libro di ampio respiro quant’altri mai, che fa bene agli spiriti combattuti fra l’essere e il fare. Talora, fra il dover essere e il dover fare.

Dario Calimani, Università Ca’ Foscari Venezia

(11 luglio 2017)