moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

superbia…

Dopo la guerra contro Midyàn, il Kohèn Gadòl El’azàr (figlio di Aharòn) si rivolge ai combattenti insegnando loro come casherizzare gli oggetti presi in bottino. Ma la stranezza è che il testo, anziché dire che egli si rivolse ai combattenti che “venivano dalla” guerra, dice “che venivano in” guerra.
Nel “Chovòth Ha-Levavòth” è riportato un aneddoto: un uomo pio vide una compagnia che tornava da una campagna militare; i soldati erano lieti, e avevano in testa delle corone trionfali. Disse loro: “Voi avete vinto una guerra piccola, di scarsa importanza. Adesso vi attende una guerra molto più difficile: quella contro l’istinto della superbia che accompagna la vittoria”.
Analogamente, anche El’azàr fece lo stesso discorso: i vincitori dovevano sconfiggere un nemico ben più potente di Midyàn, la tendenza negativa, che solo un ritorno alla disciplina delle mitzwòth poteva aiutare a sconfiggere.

Elia Richetti, rabbino

(20 luglio 2017)