moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

umiltà…

Il grande Maestro dell’Ottocento, Reb Bunim di Peshischa, portava sempre con sé due pezzi di carta, uno per tasca. Su di uno c’erano scritte le parole “Bishvilee Nivrah Ha’olam – Questo mondo è stato creato per me”. Sull’altro, le parole di Avraham ad Hashem, “Anochi Ve’Afar Va’Efer – Io sono solo polvere e cenere”. Il maestro avrebbe sempre fatto attenzione a questi due messaggi. Prima di tutto per riconoscere il proprio incredibile potenziale e allo stesso tempo per ricordare a se stesso di essere solo polvere e cenere.

Ephraim Mirvis, rabbino capo di Gran Bretagna