moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

giustizia…

Un curioso insegnamento talmudico sostiene che perfino il Signore abbia qualcosa, per così dire, da espiare. In una certa misura infatti, il sacrificio che il popolo ebraico porta ad ogni capo-mese è di “espiazione per il Signore perché Egli ha ridimensionato la luna” (TB, Chullìn 60b). Il presupposto è un altro midrash riportato nella stessa fonte: Il Signore aveva creato il Sole e la Luna uguali, ma la Luna pensava che non potessero essere entrambi “re” e che uno dei due dovesse essere ridimensionato. Il Signore decise immediatamente che fosse proprio la Luna a dover essere rimpicciolita.
Ma qual è il senso di questi insegnamenti? Tosefòt haRosh ci suggerisce una risposta: la Torà vuole insegnarci una regola di buona condotta: se uno schiavo si comporta male e il padrone è costretto a punirlo, il padrone stesso è tenuto successivamente a riconciliarsi con lui. Insomma, è giusto comminare una pena quando serve ma non è lecito infierire, anzi il colpevole va aiutato a recuperare la propria dignità. Quello che dobbiamo cercare, sempre, è giustizia, mai vendetta.
Ma soprattutto, il passo talmudico è un ammonimento contro la superbia: quella della Luna, che viene punita; ma anche quella che facilmente può assalire chi ha il potere di comminare una pena, per giusta che sia: la sensazione di potenza che deriva dal poter disporre di altre persone viene subito ridimensionata.

Michael Ascoli, rabbino