moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Qui Torino – Biennale Democrazia
I Sommersi e i salvati a teatro

Schermata 2019-03-28 alle 14.41.45Biennale Democrazia dedica la serata di apertura a Primo Levi e alle pagine de I Sommersi e i salvati. A dar voce alla scrittura leviana è Fabrizio Gifuni (nell’immagine), uno tra i più affermati attori del panorama teatrale e cinematografico italiano.
Lo spettacolo, a cura del regista, attore e artista visivo Valter Malosti, è stato prodotto da Teatro Piemonte Europa, in collaborazione con il Centro internazionale di studi Primo Levi.
Una recitazione intervallata dalle musiche di Carlo Boccadoro, Gavin Bryars, Philip Glass, James McMillan e Arvo Pärt ed eseguite da ensemble d’archi del Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino. I brani sono stati tratti in particolare dalla Prefazione, dal primo capitolo Memoria dell’offesa, dalla Zona grigia ed infine da Lettere di tedeschi.
Due ore immersi nella cornice del Teatro Regio di Torino per ascoltare, immaginare, ricordare, riflettere, per far emergere dalla scrittura di Primo Levi domande di turbolenta attualità: che rapporti si creano tra oppressori e oppressi? Come funziona la memoria di un’esperienza estrema? Chi sono gli esseri che abitano la zona grigia? Era possibile ribellarsi alla macchina dello sterminio? Siamo immuni da quanto è accaduto? Noi oggi come ci saremmo comportati? Punti interrogativi che l’autore sollevava all’allora, ma che non possono non richiamare nella mente di chi ascolta dei collegamenti cupi e drammatici con la società di oggi, una democrazia quella del nostro tempo sempre più frequentemente messa alla prova. Un tempo presente sotto pressione, una lettura che rende necessaria in chi ascolta una profonda riflessione.
Così le pagine de I sommersi e i salvati si presentano come una “segnaletica di problemi […] un libro contro le semplificazioni, le banalizzazioni e gli stereotipi […] ma è anche un libro che non fornisce risposte definitive, proponendo piuttosto un nuovo modo fi impostare alcune domande cruciali” (Dall’introduzione a Primo Levi, I sommersi e i salvati, Milano, Einaudi Scuola, 2019).

Alice Fubini

(Foto di Biennale Democrazia)