moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Gariwo, tre carte per la responsabilità

gariwo

Va concludendosi la due giorni di confronto tra delegazioni internazionali convocata da Gariwo, il Giardino dei Giusti di Milano, nel capoluogo lombardo. Trecento partecipanti a nome dei Giardini dei Giusti di Europa, Medio Oriente, Africa e Asia. Tra loro anche presidi di scuola, insegnanti e formatori. Un appuntamento internazionale caratterizzato dal lancio di tre Carte per vivere responsabilmente sul web, riscoprire i valori autentici dello sport e contrastare i cambiamenti climatici, presentate alla platea dal presidente di Gariwo Gabriele Nissim.
Con la Carta dedicata al web, è stato spiegato, Gariwo propone un manuale di educazione civica digitale, “basato su atteggiamenti dialoganti per contrastare notizie false e messaggi d’odio online”. Le altre due Carte riguardanti lo sport e l’ambiente evidenziano il ruolo fondamentale dei Giusti. “Nel primo caso, per combattere il razzismo e creare emulazione positiva educando alla correttezza e al rispetto dell’altro; nel secondo caso, per mostrare che ogni essere umano può usare il suo personale spazio di libertà per salvaguardare il futuro del pianeta”.
L’iniziativa, che si è svolta alla presenza tra gli altri del vicepresidente UCEI Giorgio Mortara, si è aperta con i saluti del presidente del Consiglio comunale Lamberto Bertolé. A sviluppare i temi affrontati nelle Carte sono poi stati, tra gli altri, Stefano Pasta, Pier Cesare Rivoltella, Franco Arturi, Massimiliano Castellani, Adam Smulevich e Marco Marchei e Marirosa Iannelli.

(27 novembre 2019)