moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Il giorno della Bsisa, nel segno della vita

Alimento dall’alto valore simbolico, la bsisa consiste in una polvere di farina di grano tostato con spezie cui si aggiungono mandorle, datteri e una parte liquida, di solito olio o latte, al momento del consumo. Gli ebrei libici, ricordano Benedetta Jasmine Guetta e Manuel Kanah nel loro blog di cucina Labna.it, la mangiamo tradizionalmente il primo giorno del mese di Nissan, e cioè questa sera, per ricordare la costruzione del tabernacolo.
“È usanza – spiegano gli animatori di Labna.it – mettere nella ciotola della bsisa le proprie fedi nuziali, per ricordare la generosa offerta delle donne che portarono anche i propri gioielli per la costruzione del tabernacolo, e le chiavi di casa, per simboleggiare il fatto che Dio apre il nostro cuore senza bisogno di chiavi”.
Nel blog, di cui vi consigliamo caldamente una visita, la storia e la ricetta di questa gustosa pietanza. Con la speranza che sia di buon auspicio per tutti in queste giornate difficili.

(25 marzo 2020)