moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

“Da Nord Italia a Madrid, inquinamento
fattore chiave nei decessi da Covid-19″

Teheran, Wuhan, il Nord Italia, l’area di Madrid. Sono le aree in cui si è registrata una percentuale significativamente più alta di decessi da coronavirus. In tutte queste zone vi è un’alta concentrazione di biossido di azoto (NO2) nell’aria e secondo il geografo israeliano Yaron Ogen questo elemento potrebbe essere uno dei fattori chiave per spiegare l’alta letalità del virus Covid-19 nel Nord d’Italia e negli luoghi citati. “Come geografo mi sono chiesto cosa hanno in comune queste zone. Ho cominciato a unire i puntini: sapevo che tutte queste aree, dal punto di vista topografico, sono caratterizzate dalla presenza di montagne che possono trattenere l’inquinamento e quindi influenzare la salute delle popolazioni che vi abitano. Questa esposizione cronica al NO2 può quindi essere un importante fattore per spiegare gli alti tassi di letalità del COVID-19 osservati in queste regioni”, ha spiegato a Pagine Ebraiche Ogen, protagonista nell’ultimo video pilpul curato dalla redazione UCEI. Il suo studio ha attirato l’attenzione negli scorsi giorni del britannico Guardian, che lo ha ripreso richiamando altre ricerche simili. Ogen ha preso in esame 66 regioni amministrative in Italia, Spagna, Francia e Germania e, incrociando i dati, ha mostrato come il 78% dei decessi per coronavirus si sono verificati in cinque regioni che risultano allo stesso tempo le più inquinate.
“Nella ricerca – spiega Ogen, postdoc presso l’Istituto di Geografia e Geologia dell’Università di Halle-Wittenberg – ho esaminato i livelli di biossido di azoto (un inquinante prodotto per lo più da veicoli diesel) e le condizioni atmosferiche che possono impedire la dispersione dell’aria inquinata lontano da una città. Molti studi hanno collegato l’esposizione a NO2 a danni alla salute, e in particolare alle malattie polmonari, che potrebbero rendere più probabile la morte di persone che contraggono Covid-19”. In particolare, spiega Ogen, le aree con più concentrazione di NO2 sono quelle nei pressi di Madrid e nel Nord Italia, dove, come ricordato, si è registrato anche un’alta percentuale di morti da covid-19.