moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Elezioni UCEI, al voto il 15 novembre

Si terranno il prossimo 15 novembre le elezioni per il rinnovo del Consiglio dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane. Lo ha stabilito l’attuale Consiglio in carica nel corso di una riunione tenutasi nelle scorse ore in un’inedita modalità online. Termine ultimo per la presentazione delle liste alla rispettiva segreteria comunitaria sarà il 17 settembre.
Tra i punti all’ordine del giorno – oltre alla definizione della data del voto, rimandato rispetto all’iniziale ipotesi per via dell’emergenza sanitaria – c’erano l’approvazione del bilancio consuntivo e dei progetti Otto per Mille presentati dagli enti e dalle commissioni. Dopo alcune iniziali comunicazioni della Presidente UCEI Noemi Di Segni su recenti iniziative intraprese la parola è passata all’assessore al Bilancio Davide Romanin Jacur.
Tra i temi della sua relazione introduttiva al voto sul bilancio consuntivo (approvato all’unanimità dal Consiglio) l’impatto di una pandemia che, pur non tecnicamente attribuibile al 2019, ha “letteralmente sconvolto tutti i già fragili equilibri che avevano sotteso la ripresa economica e il presunto benessere delle società occidentali nell’anno trascorso, introducendo con violenza inaspettata problematiche assolutamente reali di povertà e fame, assenza di rapporti sociali e solitudine, annullamento di consuetudini e impossibilità di movimenti, deficienza di preparazione all’emergenza e di strumenti per combatterla, incertezza e paura diffusa”. Alle molte sfide poste dall’emergenza l’ebraismo italiano sembra però aver risposto nel migliore dei modi, ritrovando “in sé e nelle proprie origini una straordinaria capacità di reazione, di unità e coesione”. Una predisposizione che sembra lasciar ben sperare anche per il futuro. “Il bilancio consuntivo 2019 – ha infatti sottolineato Romanin Jacur – dimostra la capacità di UCEI di proseguire ed incrementare la sua missione a fronte delle difficoltà crescenti, anche ove esse fossero rappresentate da mancata crescita delle entrate da Otto per Mille (come nel precedente esercizio) o gestione e destinazione di proprie risorse a fatti di assoluta novità ed emergenza, nella certezza di ‘continuità aziendale’ e di capacità di resilienza”.
A seguire il Consiglio ha approvato la ripartizione prevista per i progetti Otto per Mille degli enti e per le attività dell’Ulpan Online. Ad essere ratificata anche la nomina dei membri del nuovo Consiglio della Fondazione Beni Culturali Ebraici in Italia.