moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Israele, un altro Commissario
nella nuova fase della pandemia

Con 780 casi nelle ultime 24 ore, Israele ha raggiunto il dato più basso da quattro mesi a questa parte di contagi da coronavirus. Il tasso di positivi è sceso al 2.1% a fronte di 36.605 tamponi. Sotto alla soglia dunque di quel 3% che le autorità israeliana hanno fissato come il livello di guardia da non superare (in settembre si era arrivati al 14%). I dati sono stati resi noti dal ministero della Sanità israeliano, che ha dato anche i numeri delle vittime causate dal virus in Israele: 2452 da inizio pandemia. Il paese, dopo il secondo lockdown, sta tornando così verso una graduale riapertura. E in questa nuova fase il governo ha deciso chi sostituirà il responsabile alla lotta al coronavirus Benni Gamzu, in scadenza il primo novembre. A prendere le redini del delicato compito sarà Nachman Ash, dottore specialista in medicina interna e dal 2007 al 2011 capo medico dell’esercito. “È un lavoro duro”, ha dichiarato Gamzu, che presto tornerà a guidare l’ospedale Ichilov di Tel Aviv. “Non dichiariamo vittoria. Non dichiariamo fallimento. Andiamo avanti e continuiamo a lottare”.