moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Il 1938 e i conti con la Storia

“Un percorso di approfondimento innovativo, digitale, pensato sia per gli studiosi che per il pubblico, sul modo in cui una delle pagine più oscure della storia nazionale è stata analizzata e raccontata agli italiani dalla televisione pubblica, oltre che dalla storiografia e dalle istituzioni, dal Dopoguerra ad oggi”. La pagina nera è quella delle leggi anti-ebraiche, al centro del nuovo webdoc “I conti con la storia”, realizzato da Leonardo Campus, assegnista del Venice Centre for Digital and Public Humanities dell’Università Ca’Foscari e autore di programmi televisivi a tema storico. “Questo lavoro rappresenta l’inizio di una modalità nuova di approcciarsi alla storia sia dal punto di vista della ricerca di materiale, sia dal punto di vista dell’organizzazione per la diffusione dei contenuti. Il tutto fatto con grande intelligenza e rigore scientifico ammirevole”, sottolinea a Pagine Ebraiche lo storico Gadi Luzzatto Voghera, direttore della Fondazione Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea di Milano, che in queste ore partecipa assieme all’autore e allo storico Simon Levi Sullam alla presentazione del webdoc. La Fondazione ha contribuito a fornire dei materiali per quello che viene descritto come “un viaggio interattivo nella memoria delle leggi razziali”. In particolare, grazie a un accordo con Rai Teche e a una lunga ricerca d’archivio, “I conti con la storia” riporta alla luce e rende accessibili al pubblico estratti di preziosi documenti video, alcuni dei quali dimenticati, firmati da Sergio Zavoli, Liliana Cavani, Enzo Biagi, Arrigo Levi, o arricchiti dalle testimonianze di Primo Levi, Nedo Fiano, Liliana Segre. “Il webdoc di Leonardo Campus è un esempio ottimo di public history a livello pratico: un eccellente ricerca documentaria di materiale spesso inedito, o comunque non noto, delle teche Rai, che si accompagna a una riflessione molto interessante sulla trasformazione della riflessione storiografica iniziata in Italia sul tema delle persecuzione dei diritti”, spiega Luzzatto Voghera.