moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

La solitudine nel mondo

Si parla ascoltando sé stessi, e chi ti sta di fronte è invisibile. Si riferisce ogni cosa, ogni evento soltanto alla propria personale esperienza, al proprio essere, con un goccio di malsano narcisismo. Si ha un inguaribile bisogno di concentrarsi su sé stessi anziché sulle cose della vita. E, magari, si è così convinti di star operando per il bene comune.
Aveva ragione Quasimodo. C’è tanta solitudine nel mondo.

Dario Calimani