moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Poesia politica

Chi governa la Danimarca e emana norme come quella approvata ieri e destinata “gestire” i processi di riconoscimento dello status di rifugiati degli immigrati (clicca qui) non ha mai visitato New York. Se l’avesse fatto avrebbe scoperto, visitando la Statua della Libertà, che esiste una poesia sublime e illuminante, forte come la politica giusta che rappresenta. La scrisse una giovane poetessa ebrea, Emma Lazarus, una che con la stessa energia andava cantando i drammi degli ebrei perseguitati nei pogrom in Russia. I versi, scritti nel 1883 e intitolati “The New Colossus”, recitano così, prima in inglese, poi in italiano:

Not like the brazen giant of Greek fame,
With conquering limbs astride from land to land;
Here at our sea-washed, sunset gates shall stand
A mighty woman with a torch, whose flame
Is the imprisoned lightning, and her name
Mother of Exiles. From her beacon-hand
Glows world-wide welcome; her mild eyes command
The air-bridged harbor that twin cities frame.
“Keep, ancient lands, your storied pomp!” cries she
With silent lips. “Give me your tired, your poor,
Your huddled masses yearning to breathe free,
The wretched refuse of your teeming shore.
Send these, the homeless, tempest-tost to me,
I lift my lamp beside the golden door!”

Non come il gigante di bronzo di greca fama,
che a cavalcioni da sponda a sponda stende i suoi arti conquistatori:
Qui, dove si infrangono le onde del nostro mare
Si ergerà una donna potente con la torcia in mano,
la cui fiamma è un fulmine imprigionato, e avrà come
nome Madre degli Esuli. Il faro
nella sua mano darà il benvenuto al mondo, i
suoi occhi miti scruteranno quel mare che giace fra due città.
“Antiche terre, – ella dirà con labbra mute
– a voi la gran pompa! A me date
i vostri stanchi, i vostri poveri,
le vostre masse infreddolite desiderose di respirare liberi,
i rifiuti miserabili delle vostre spiagge affollate.
Mandatemi loro, i senzatetto, gli scossi dalle tempeste,
e io solleverò la mia fiaccola accanto alla porta dorata!”

Gadi Luzzatto Voghera, Direttore Fondazione CDEC

(4 giugno 2021)