moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

L’intervista al regista Alberto Caviglia
“Il successo delle mie pecore”

caviglia“Cosa mi aspetto dall’uscita di Pecore in erba nelle sale? Beh sono principalmente curioso, non riesco davvero a immaginare cosa accadrà. Aspettiamo e vedremo”. Rivela il giusto mix tra tensione, gioia e un pizzico di terrore Alberto Caviglia, regista e sceneggiatore del mockumentary, il finto documentario di ispirazione alleniana, coccolatissimo dai critici all’ultima Mostra del Cinema di Venezia, nel quale ricostruisce la paradossale vicenda di Leonardo Zuliani, un anti-eroe dai tratti mitologici inquietantemente incensato per il fervente antisemitismo. Classe 1984, Caviglia è alla sua prima prova alla regia. Dopo la laurea in Lettere e Filosofia e la permanenza a New York e Londra per studiare cinema è stato a lungo assistente alla regia di Ferzan Özpetek. Riconoscibile per il witz che si nutre famelicamente di pellicole di Woody Allen e libri di Philip Roth, sul proprio profilo Twitter la sua descrizione cede il posto all’indimenticabile citazione del lamentoso Alexander Portnoy, celebre figlio letterario di Roth: «Questa è la mia vita, la mia unica vita, e la sto vivendo da protagonista di una barzelletta ebraica».

Come stai vivendo il successo delle tue Pecore in erba?
Prima di tutto non mi aspettavo di andare a Venezia e ho accolto con gioia e stupore la reazione del pubblico che ha visto il film durante la Mostra del cinema. Le proiezioni in anteprima a Roma, Milano e Torino mi hanno poi restituito una risposta entusiasmante da parte degli spettatori: le risate erano davvero tante e spero che questo continui con l’uscita nelle sale.

Dopo questa prima prova di successo hai già altri progetti?
Pensi di ritornare a trattare tematiche ebraiche? In realtà avevo già un’altra sceneggiatura in testa ma per il momento me la prendo comoda. Non so se tornerò a parlare di ebraismo e per la verità non credo che nemmeno Pecore in erba sia un film che possa essere definito di argomento ‘ebraico’, è più che altro incentrato sull’uomo e la sua ipocrisia.

Se c’è un elemento del film che ha colpito il pubblico, è stato sicuramente il cameo di alcuni personaggi pubblici, da Vittorio Sgarbi a Carlo Freccero fino a Kasia Smutniak e Carolina Crescentini che si sono prestati a mettere la loro faccia. Tutti si chiedono: ma come ci sarà riuscito?
La verità è che sono stato un vero e proprio ‘accollo’. Ho cercato in tutti i modi di coinvolgerli, scrivendo, telefonando, presentandomi fino a che ‘esasperati’ hanno accettato. E alla fine in Pecore in erba hanno finito per crederci anche loro.

Rachel Silvera twitter @rsilveramoked

(1 ottobre 2015)