moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Il concerto di Varsavia

Dopo l’occupazione tedesca della Polonia numerosi compositori polacchi furono trasferiti nella prigione di Pawiak, presso il Campo di concentramento di Varsavia ubicato nel Ghetto; sospettati di perseguire finalità politiche ostili al Reich mascherate da attività artistiche o ritenuti membri di organizzazioni resistenziali, furono sottoposti a interrogatori e torture da parte della Gestapo.
La loro detenzione variava da una settimana a diversi mesi o addirittura anni e di solito si concludeva con il rilascio o il trasferimento presso Campi aperti in territorio metropolitano tedesco.
Nel 1940 il compositore Roman Palester fu arrestato, imprigionato a Pawiak e rilasciato dopo sei settimane, molte sue opere furono distrutte durante l’insurrezione di Varsavia del 1944; dopo la Guerra la sua produzione rimase largamente emarginata dalla vita artistico–musicale polacca a causa delle sue posizioni anticomuniste.
Il compositore Lech Miklaszewski (foto) fu imprigionato a Pawiak nel 1940 e rilasciato dopo un anno e mezzo, dal 1941 al 1944 si esibì clandestinamente presso il Cafè Woytowicz; il compositore e attivista politico Ludomir Marczak nascose 13 ebrei nel suo appartamento di Varsavia, nel novembre 1943 fu arrestato, imprigionato a Pawiak e giustiziato insieme ai suoi familiari e a tutti gli ebrei da lui nascosti (la pedagoga polacca Jadwiga Sałek–Deneko, che collaborò con Marczak nell’operazione di occultamento dei 13 ebrei, fu torturata e uccisa nel gennaio 1944).
Il sacerdote, compositore e musicologo Wacław Gieburowski, direttore del coro della cattedrale di Poznań, fu arrestato dalla Gestapo nell’ottobre 1939 e trasferito nel 1941 a Varsavia dove morì nel settembre 1943; il compositore Jan Sztwiertnia si apprestava a partire per Parigi grazie a una borsa di studio allorquando scoppiò la Guerra (arrestato dalla Gestapo nel giugno 1940, morì a Gusen).
Nel pomeriggio del 1° agosto 1944 le truppe sovietiche già penetrate in territorio polacco giungevano sul lato destro della Vistola alle porte di Varsavia mentre le truppe del Reich erano in procinto di ritirarsi; 45.000 membri dell’organizzazione paramilitare Armia Krajowa, pur senza adeguato addestramento e dotati unicamente di mitragliatrici e cannoni anticarro, scatenarono un’insurrezione allo scopo di liberare Varsavia prima dell’arrivo dell’Armata Rossa.
La guarnigione tedesca ottenne una vittoria schiacciante e anche in questo caso la risposta militare del Reich fu brutale, Himmler ordinò di uccidere indistintamente bambini, donne, personale medico e religiosi nonché bombardare e incendiare gli edifici; il 2 ottobre 1944 la Armia Krajowa chiese la resa, ai 500.000 insorti e civili catturati fu riconosciuto lo status di prigionieri di guerra e disposto il loro trasferimento nei Campi di internamento militare, Varsavia fu ridotta in macerie.
Tanti furono i musicisti polacchi che combatterono come civili e paramilitari durante l’insurrezione di Varsavia e furono uccisi o catturati e trasferiti verso Campi militari o di lavoro coatto in territorio metropolitano tedesco; da citare il compositore Roman Padlewski (gravemente ferito durante i combattimenti del 14 agosto 1944, morì in ospedale 2 giorni dopo), il compositore Bronisław Wolfstahl (ucciso durante l’insurrezione), il compositore Andrzej Markowski (catturato e trasferito presso lo Oflag VIIA Murnau), la compositrice di origine ceco–spagnola Stefania Allinówna (arrestata e trasferita presso un Campo di lavori forzati in territorio metropolitano tedesco) e l’allora sedicenne studente di composizione Tadeusz Baird (catturato e trasferito in Germania dove fu adibito al lavoro coatto, tentò invano la fuga e si ammalò gravemente).
Albert Einstein affermò che la Teoria della Relatività gli sgorgò nel pensiero grazie alla forza trainante della musica e talora, dopo aver suonato il pianoforte (suonava bene anche il violino), si alzava dalla tastiera dicendo “Ecco, finalmente ho capito”; l’esercizio musicale metteva in moto meccanismi inediti nel suo cervello geniale creando connessioni con la materia scientifica sino a produrre soluzioni che attenevano al mondo della fisica.
Come un gigantesco messaggio chiuso in una bottiglia e lanciato nell’oceano, 70 anni fa i musicisti stesero a mille mani nei luoghi più impensabili una grande letteratura musicale affidandola ai mari di una civiltà che stava conoscendo sia la Guerra che la più grande tragedia umanitaria della Storia.
È toccato alla nostra epoca raccogliere quella bottiglia e, grazie a questa Musica, oggi siamo in grado di ridisegnare spazi fisici e mentali nonché riscrivere la Storia, quella del futuro.
Come un remake del film di Stanley Kubrik 2001: Odissea nello spazio (1968), sulle note del meraviglioso secondo movimento del Concerto per pianoforte e orchestra di Emile Goué – scritto nello Oflag XA di Nienburg am Weser – viaggeremo nello spazio.

Francesco Lotoro