moked/מוקד

il portale dell'ebraismo italiano

Scritte, cartelli, ambiguità

anna segre“Juden hier”, “Crepa sporca ebrea”, “Sieg heil”. Cosa sta succedendo nella mia regione? Tre episodi in Piemonte nel giro di pochi giorni, uno a Mondovì e due a Torino. Scritte antisemite, che evocano il nazismo o entrambe le cose. In tutti e tre i casi sono state prese di mira le case di figli di partigiani: ebrei ed antifascisti sono accomunati nell’odio, o addirittura confusi tra loro e percepiti come un’unità indissolubile; una sonora smentita (se ce ne fosse bisogno) per chi sostiene che l’antisemitismo di oggi proviene essenzialmente da sinistra e dal mondo islamico. Dopo questa settimana negare o minimizzare l’antisemitismo di destra sarà ancora più assurdo e più insensato.
Per fortuna qui non mancano gli anticorpi: ieri nella mia scuola sulla porta di molte classi è comparsa la scritta “Antifa hier”, talvolta con traduzione “Qui ci sono degli antifascisti” o “Antifascista qui!” a scanso di equivoci. Cartelli grandi o piccoli, scritte semplici o elaborate, tavolata colorate. Particolarmente curato il cartello apposto sulla porta di una mia classe (una terza, cioè quinto anno), in cui alla scritta erano abbinati due passi della nostra Costituzione: “senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”; “è vietata la riorganizzazione sotto qualsiasi forma del disciolto partito fascista”.
scuolasegProprio ieri, mentre facevo il giro della scuola per ammirare i cartelli, ho scoperto che ancora quest’anno, così come nei precedenti, all’esame di stato al liceo classico non è previsto un commissario esterno di storia e dunque la disciplina sarà affidata a un commissario interno oppure mancherà del tutto. Dunque la storia – come è stato più volte ribadito – entrerà nel tema di italiano ma non è scontato che ci sarà qualcuno con le conoscenze e competenze necessarie per correggerlo. E, comunque, una disciplina che per più anni di seguito non viene affidata a commissari esterni viene indubbiamente percepita come meno importante.
Per fortuna i nostri ragazzi si informano e si mobilitano nonostante i segnali contraddittori che vengono dal mondo degli adulti. O, chissà, forse hanno capito che spetterà alla loro generazione la responsabilità di superare le contraddizioni e le ambiguità che la nostra generazione sta lasciando loro in eredità.

Anna Segre, insegnante

(31 gennaio 2020)